societa

Pandemia sociale: In fila per mangiare

Andrea Zaghi - Avvenire ANSA/CESARE ABBATE

Triplicate in due mesi le richieste di cibo e pacchi alimentari per l’assenza di lavoro.

Il colpo d’occhio è impressionante: le file ordinate, come si conviene ad una città nota per il suo rigore. Sono dappertutto: per mangiare, per dormire, per contare su un ascolto non distratto. E poi fuori dai negozi, al Banco dei pegni. La sferza di Covid-19 ha colpito Torino duramente. Lo fa ancora, anche se l’emergenza sanitaria sembra finita. La chiusura delle fabbriche e il serrarsi in casa hanno fermato la pandemia, ma hanno infiammato la povertà. Chi non lavora e non ha risorse, semplicemente non mangia. E qui sono in molti. Così come – per fortuna – sono in molti a darsi da fare per contrastare tutto questo. La città dei santi sociali, del lavoro, della solidarietà, s’è messa in moto da subito.

Basta poco per capire la crisi. Nello scorso marzo i buoni spesa statali per circa 4 milioni e 252mila euro, messi a disposizione attraverso il Comune, sono andati esauriti in poche ore e hanno aiutato 11.705 famiglie. Nuovi poveri, spesso. Circa metà delle famiglie aiutate hanno “componenti in età produttiva”.

L’Ires (che si occupa delle ricerche economiche e sociali in Piemonte), certifica che oltre la metà dei nuclei familiari con reddito e pensione di cittadinanza si trova proprio nel Torinese (37.367 su 61.762). E indica un aumento della fascia di popolazione in crisi. A provarlo sono anche le domande del cosiddetto Rem (Reddito di Emergenza). Uno degli indicatori più significativi della crisi (anche in prospettiva), è il ricorso alla cassa integrazione, con il Piemonte tra le regioni ai primi posti in Italia. Solo quella in deroga tocca già 92mila persone e 22,6 milioni di ore di lavoro. L’intreccio perverso tra crisi economica, disagio sociale e povertà trova proprio qui di che alimentarsi. Ma c’è anche il bene.

È nato per esempio il progetto "Torino Solidale", iniziativa dell’amministrazione comunale con l’Associazione Damamar (che fa capo ai Padri Giuseppini del Murialdo), il Banco Alimentare del Piemonte, il Banco delle Opere di Carità e la rete del privato sociale del territorio. Attraverso questo canale, da marzo, agendo su più fronti, sono state sostenute circa 15mila famiglie. Merito di una rete capillare fatta di 11 “snodi” che garantiscono il rifornimento e lo stoccaggio di beni alimentari e di prima necessità e la distribuzione di pacchi alimentari.

A sostenere tutto, fondi comunali per oltre mezzo milione ma anche quelli di privati. Il progetto non si è concluso, anzi. In queste settimane si sta effettuando la consegna di altri panieri mensili a circa 10.000 famiglie; si continuerà anche in autunno. Nella seconda fase dell’emergenza, poi, altri attori sono entrati in scena. La Fondazione Cottino ha donato beni per 500.000 euro; la Nova Coop ha curato la preparazione e l’immagazzinamento 13.700 pacchi alimentari. Anche le fondazioni bancarie hanno fatto la loro parte. La Fondazione Crt, per esempio, ha stanziato circa 1,2 milioni. La sindaca Chiara Appendino spiega: «Ogni risorsa è preziosa per rispondere alle richieste e siamo orgogliosi di constatare come la città abbia ancora una volta risposto».

Ma mangiare per molti non basta. A Torino, ci sono circa 2.500 persone senza fissa dimora: gente che spesso si vede accoccolata sotto i portici della città, bersagli facili per Covid-19. Così, se nella fase più dura i posti letto sono stati aumentati, adesso è stato deciso di mantenerne almeno 40. Un’operazione resa possibile dagli "Asili Notturni Umberto I" nei quali lavorano 300 volontari (un terzo dei quali medici e paramedici). Poi ci sono le iniziative particolari. Come quella del Convento di Sant’Antonio da Padova il cui padre superiore, Fra’ Mauro Battaglino, dice: «È cambiata la tipologia di persone, adesso ci sono più italiani. I poveri che vivono in strada ci sono sempre, ma ci sono anche quelli che hanno perso il lavoro». Solo il convento ogni giorno fornisce 400 pasti e aiuta circa 230 famiglie con almeno due pacchi-spesa al mese.

LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE SU AVVENIRE.IT

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA