religione

Ecco il miracolo che renderà beato Padre Marella, il frate amato dai bolognesi

Gelsomino Del Guercio www.corrieredibologna.it.

Apparve in punto di morte ad un suo allievo

L’attesissimo verdetto è arrivato martedì 4 giugno. La commissione teologica della Santa Sede, composta da cardinali e vescovi, ha avallato definitivamente i risultati della commissione medica.

La guarigione improvvisa di Piero Nicolini, avvenuta nel 1985, non spiegabile secondo i protocolli medici, è stata compiuta per intercessione di padre Olinto Marella. È l’ultimo step del processo di beatificazione del frate dei poveri, molto amato a Bologna, dove ha prestato la sua opera accanto ai francescani.

LA PAROLA A FRANCESCO

Ora, come osserva il Corriere della Sera, tocca alla Congregazione dei santi chiudere il lungo iter e procedere alla proclamazione. Sarà quindi papa Francesco a porre l’ultimo e definitivo sigillo e stabilire la data in cui dichiarare Beato il sacerdote nato a Palestrina il 14 giugno 1882 e morto il 6 settembre 1969 a 87 anni.

LA MALATTIA E L'APPARIZIONE

Al centro di questo processo c’è stato il miracolo, esaminato da tre commissioni, la prima composta da cinque medici, la seconda formata da sette teologi e la terza, quella di martedì, formata da cardinali e vescovi. A loro è toccata l’ultima parola sulla prodigiosa guarigione di un ex allievo di Marella, Piero Nobilini.

Si racconta che Nobilini fosse soggetto a ricorrenti coliche dovute al costante riformarsi di calcoli. Operato un anno prima al pancreas, si era reso necessario un nuovo intervento chirurgico, ma una settimana prima della data fissata una forte emorragia lo portò ad un passo dal decesso. In punto di morte, Nobilini invocò Padre Marella e mentre stava per dettare le sue ultime volontà alla suora che lo stava assistendo insieme alla moglie, il sacerdote gli apparve sul muro davanti a lui. Pochi istanti dopo, Nobilini si ritrovò guarito.

LEGGI ANCHE: Ravello, per Fra Antonio Mansi avviato processo di beatificazione

IL CARDINALE BIFFI

Per arrivare a quest’ultimo passaggio del processo di beatificazione ci sono voluti 24 anni. Era il 1995 quando «la Provincia dei Frati Minori di Bologna ha fatto richiesta che di Padre Marella venga aperto un processo canonico presso il Tribunale ecclesiastico di Bologna», si legge sul sito dell’Opera dedicata al frate dei poveri.

Il cardinale Giacomo Biffi ottiene il placet dei vescovi e il «nihil obstat», il «nessun ostacolo per avviare la procedura» da parte della Congregazione del Sant’Ufficio di Roma. L’8 settembre del 1996 per volere dell’arcivescovo si apre il processo di beatificazione del servo di Dio Don Olinto Angelo Giuseppe Marella.

IL PROCESSO

Un percorso lungo e articolate: si ascoltano 104 testimoni; si sfogliano decine di documenti nell’archivio diocesano. Il 17 dicembre 2005 il primo verdetto: il cardinale Carlo Caffarra chiude il processo diocesano, riconoscendo al sacerdote la fama di una santità manifestata in vita e in morte. La documentazione di seimila pagine viene quindi inviata alla Santa Sede per essere esaminata dalla Congregazione dei Santi.

Nel 2013 sono state dichiarate le virtù eroiche di Padre Marella. Sei anni più tardi si sono aperto le porte della beatificazione. 

LEGGI ANCHE: Diventa venerabile il francescano fra Marcellino da Capradosso


Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA