esteri

Terra Santa senza pace, preoccupazione delle Chiese di Gerusalemme

Giancarlo La Vella e Michele Raviart Said Khatib - Afp

Le tensioni in Israele estese da Gerusalemme ad altre città

Si macchia di sangue la situazione in Israele. Ieri 250 razzi sono stati lanciati da Gaza verso la zona israeliana al di là del confine dell’enclave palestinese. Lo Stato d'Israele ha subito risposto con un’ondata di attacchi contro 140 obiettivi palestinesi, in cui sono morte almeno 24 persone, tra cui 9 minorenni e due comandanti della Jihad islamica, secondo fonti palestinesi. Il Movimento Hamas, che governa nella Striscia, parla chiaramente di rappresaglia dopo quanto avvenuto a Gerusalemme. E, oltre alle vittime registrate in questa circostanza, anche un arabo ha perso la vita vicino Tel Aviv nel corso di disordini tra dimostranti palestinesi e residenti ebrei, mentre almeno sei israeliani sono rimasti feriti ad Ashkelon, dove è stato colpito un edificio. Anche Gerusalemme est continua ad essere teatro di nuovi scontri tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana, con violenti tafferugli ieri alla Spianata delle Moschee.

L'esercito isrealiano si prepara ad un conflitto esteso

Intanto il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, ha autorizzato il richiamo di 5 mila riservisti l'operazione militare, denominata Guardiani delle Mura e "rafforzare la difesa del fronte interno". Lo stesso capo di stato maggiore dell'esercito israeliano Aviv Kochavi ha ribadito che gli attacchi su Gaza continueranno e che "tutti i comandi si devono preparare ad un conflitto più esteso senza limiti di tempo", "per ridare sicurezza ai residenti del sud".

Manifestazioni anche in Cisgiordania

"Nelle ultime 24 ore c'è stata un'escaltion importante", spiega Vatican News Gigi Bisceglia, coordinatore regionale del Vis per il Medio oriente, raggiunto telefonicamente a Betlemme. "Una situazione così tesa non si vedeva dall'ultima guerra a Gaza del 2014", spiega. "A partire da ieri sera ci sono state manifestazioni di sostegno a quello che stava succedendo ad Al-Aqsa e a Gerusalemme sia nelle città arabe del nord di Israele sia in tutta la Cisgiordania e ci sono stati scontri tra la polizia di frontiera e la popolazione palestinese che stava protestando". aggiunge, "quello che noi ci aspettiamo è che al tramonto potrebbero riprendere gli scontri in Cisgiordania".

Gerusalemme sia Città Santa della pace

Dalla comunità internazionale si alza forte la voce dell’Unione Europea che chiede alle due parti lo stop immediato alle violenze e altrettanto forte la dichiarazione dei Patriarchi delle Chiese di Gerusalemme. Le violenze alla moschea di Al Aqsa e a Sheikh Jarrah “violano la santità del popolo di Gerusalemme e di Gerusalemme come Città della Pace. Le azioni che minano la sicurezza dei fedeli e la dignità dei palestinesi soggetti a sfratto sono inaccettabili”. È quanto si legge in una dichiarazione dei Patriarchi e Capi delle Chiese di Gerusalemme che si uniscono così alle preoccupazioni espresse anche da Papa Francesco durante il Regina Coeli di domenica scorsa per l’escalation degli scontri tra palestinesi e le forze dell’ordine israeliane nella città. A innescare le proteste in pieno Ramadan il possibile sfratto di famiglie palestinesi del sobborgo di Sheikh Jarrah, nei pressi della Città Vecchia, a vantaggio di coloni israeliani. Nonostante la Corte Suprema d’Israele abbia deciso di procrastinare lo sfratto, gli scontri proseguono e si stanno estendendo ad altre città. Ad accendere ulteriormente gli animi, la marcia nazionalista ebraica in città organizzata oggi per celebrare la conquista israeliana di Gerusalemme Est nel 1967.

Rispettare lo status quo

Nella loro dichiarazione i leader delle Chiese di Gerusalemme si dicono “profondamente scoraggiati e preoccupati” per questi sviluppi. “Il carattere speciale di Gerusalemme, con l'attuale Status Quo, obbliga tutte le parti a preservare la già delicata situazione nella Città Santa”, scrivono. “La crescente tensione, sostenuta principalmente da gruppi radicali di destra, mette in pericolo la già fragile realtà dentro e intorno a Gerusalemme”. I leader cristiani chiedono quindi "alla Comunità Internazionale e a tutte le persone di buona volontà di intervenire per porre fine a queste azioni provocatorie, nonché di continuare a pregare per la pace di Gerusalemme”. L’appello dei Patriarchi per il rispetto dello status quo a Gerusalemme e per la fine delle violenze segue quello lanciato nei giorni scorsi dal segretario generale ad interim del Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc), il reverendo Ioan Sauca, che, a nome dell’organizzazione ecumenica, ha espresso “profondo dolore per la difficile situazione delle famiglie palestinesi di Sheikh Jarrah e per i disordini e la violenza che ne sono seguiti". (Vatican News)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA