esteri

Libia: Haftar lascia Mosca senza firmare la tregua

Redazione
Foto: Ufficio stampa ministero Esteri russo

Il generale Khalifa Haftar, sostenuto da Putin, ha lasciato Mosca senza firmare l’accordo di cessate il fuoco con il governo di accordo nazionale guidato da Fayez al-Sarraj. Tra i punti dell’intesa nel piano di mediazione proposto da Russia e Turchia c’era il ritiro delle forze di Haftar da Tripoli.

Ieri sera Haftar aveva chiesto tempo fino a questa mattina per esaminare l’accordo già firmato dal capo del governo riconosciuto dall’Onu Fayez al-Sarraj, ma ha lasciato la capitale russa senza firmare. Secondo i media arabi, il generale avrebbe rifiutato di firmare perché l’intesa avrebbe ignorato molte delle richieste del leader della Libia orientale.

Nel corso dei colloqui di ieri a Mosca — secondo Sky News Arabia — Haftar avrebbe insistito sulle richieste di far entrare le sue truppe a Tripoli e di formare un governo di unità nazionale che ricevesse il voto di fiducia da parte del parlamento di Tobruk. Il generale avrebbe anche chiesto un monitoraggio internazionale del cessate il fuoco senza la partecipazione della Turchia e chiesto il ritiro immediato dei mercenari «arrivati dalla Siria e dalla Turchia». Infine, avrebbe insistito sulla richiesta di avere l’incarico di comandante supremo delle Forze armate libiche.

Dopo il fallimento del negoziato a Mosca, si va verso un rinvio della conferenza di Berlino, che avrebbe potuto tenersi domenica prossima, 19 gennaio. Lo scrive l’Adnkronos, citando fonti qualificate.

Corriere della Sera

Manifesto di Assisi, il video integrale della giornata
24 gennaio 2020 17:24