esteri

Le proteste di Cuba

Fausta Speranza Epa - Yander Zamora

Migliaia di persone sono scese in piazza per la crisi sanitaria ed economica

La località è piccola, ma ha visto sfilare migliaia di cubani, per lo più giovani: si chiama San Antonio de los Banos, un comune di 50.000 abitanti a una trentina di chilometri a sud ovest dalla capitale L’Avana. Da lì i video si sono moltiplicati online. E le cronache ci dicono oggi che anche in altre 25 città sono scoppiate le dimostrazioni di piazza. Negli slogan ci sono parole di protesta contro quella che viene definita la "dittatura", si inneggia al grido di "Patria e vita", titolo di una canzone critica contro il governo e di "abbasso la dittatura",  "non abbiamo paura". Secondo quanto riportato stamane dal quotidiano statunitense Miami Herald, che cita il sito web Inventario, ci sono stati centinaia di arresti e almeno un agente ferito. Il quotidiano parla della più grande protesta di massa mai vista sull'isola negli ultimi 30 anni e spiega che viene fortemente criticato il presidente della Repubblica, Miguel Diaz-Canel, e messo in discussione il sistema comunista a fronte di una situazione economica che continua a peggiorare, stretta anche nella morsa delle sanzioni statunitensi.

Interessate almeno 25 città. Il dramma della pandemia e la carenza di aiuti

La manifestazione si è svolta nel giorno in cui Cuba ha registrato un nuovo record giornaliero di contagi e di morti per coronavirus. Dall'inizio della pandemia nel marzo 2020, gli abitanti hanno dovuto affrontare lunghe file per fare scorta di cibo e hanno sofferto una carenza di medicinali che ha provocato disordini sociali. Sotto l'hashtag #SOSCuba o #SOSMatanzas, sui social si moltiplicano le richieste di aiuto, così come gli appelli al governo per facilitare l'invio di donazioni dall'estero. Formalmente, sabato scorso, un gruppo di oppositori ha chiesto l'istituzione di un "corridoio umanitario" per ricevere aiuti dell’estero, ma il governo si è opposto, dichiarando che sono iniziative che si associano alle aree di conflitto e non si applicano a Cuba".

La raccomandazione da Washington

All’isola più grande dell’arcipelago dei Caraibi guarda Washington: "Gli Stati Uniti sostengono la libertà di espressione e di riunione a Cuba", ha affermato su Twitter il consigliere per la Sicurezza, Jake Sullivan, aggiungendo: “Condannerebbero fermamente qualsiasi atto di violenza o volto a prendere di mira manifestanti pacifici che esercitano i loro diritti universali". (Vatican News)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA