esteri

Francesco: 'Che le donne siano rispettate, tutelate e amate'

Padre Enzo Fortunato Ansa

Si conclude il viaggio del Papa in Iraq

Le donne siano rispettate, tutelate e amate. Per capire la forza di queste parole il Papa ricorda quello che accadeva in queste terre martoriate. Ai tempi dell’Isis ogni donna aveva un prezzo. Come in un mercato - un orribile e sudicio mercato di bestiame – esisteva un tariffario, affisso anche sulle porte di botteghe e moschee, che variava a seconda dell'età, della religione o dell’etnia.  “Una tragedia”. Così ha definito l’episodio papa Francesco nel corso del suo viaggio in Iraq e alla vigilia dell’8 marzo. Parole che sembrano cadere nel vuoto di fronte, purtroppo, alla recrudescenza di un virus di cui ancora non si è trovato il vaccino, quello della violenza sulle donne. In Italia i femminicidi sono già stati sette  in questi primi due mesi del 2021, quasi uno a settimana, il 45% del totale degli omicidi. 

E numeri ancor più raccapriccianti si registrano in Iraq, un Paese in cui l’incubo Isis è solo l'ultima delle tragiche pagine che ha segnato per le donne un aumento della subalternità ai mariti, ai padri e ai fratelli.  Come se non bastasse, a queste sofferenze si aggiungono quelle delle guerre e del terrorismo. Molte donne sono rimaste sole: vedove inconsolabili, orfane dei loro figli.  “Le madri – ha detto Francesco in Iraq - consolano, confortano, danno vita. E vorrei dire grazie di cuore a tutte le madri e le donne di questo Paese, donne coraggiose che continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite. Che le donne siano rispettate e tutelate”. Lo ha fatto ieri ma il messaggio era per oggi, festa di tutte le donne.  Ecco perché il Papa ricorda in questo viaggio le vittime della violenza, familiare o estremista, in Italia o all’estero, ovunque.  

Ci guida Papa Francesco, che attinge anche dalla spiritualità francescana non può non ricordarci il rapporto tra San Francesco e le donne. Per i frati che lo seguivano e per gli uomini della società contemporanea che guardano a lui, San Francesco esortava gli uomini a manifestare il "femminile" che è in ogni uomo, in ogni madre. Come a dire "prendiamoci cura degli altri e attingiamo alla ricchezza delle donne". Dalla madre di Dio a Chiara, la sua pianticella, da Monna Pica a Giacoma Frangipane de' Settesoli che Francesco chiamava Fra Jacopa, nei loro volti Francesco ci dice che risiedeva il bene. Quel bene che il Papa ci ricorda di volere alle donne.

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA