attualita

Lebbra, peste, covid19. La certezza della precarietà

TAHAR BEN JELLOUN Nicolas Poussin - Wikipedia
L’epidemia colpisce indiscriminatamente persone integre e fragili, così come l’economia mondiale

Bernard Pivot ha pubblicato un tweet in cui ha sottolineato che «il coronavirus è anticapitalista (caduta della Borsa), ama l' oro (+ 8%), è ecologista (meno aerei nel cielo), è misantropo (odia le persone che parlano tra loro), è puritano (impedisce alle persone di toccarsi)». L' umorismo è necessario quando la paura esagera e si diffonde in modo esplosivo. Certamente, il virus sta sconvolgendo l' ordine mondiale e sta rivelando l' aspetto drammatico della globalizzazione.

Il mondo ha sempre conosciuto epidemie con conseguenze molto più tragiche di quelle che conosciamo oggi.

La peste ha ucciso milioni di persone. L' influenza spagnola che imperversò dal 1918 al 1919 uccise 50 milioni di persone in tutto il mondo. Il coronavirus, che è cattivo ma non ha nulla a che vedere con altre pandemie, uccide il 2% degli infetti. Ciò non ha impedito il diffondersi di una paura generalizzata tra tutte le popolazioni.

Non risparmia alcun Paese. Non si comprende come e perché l' Italia possa essere stata colpita così duramente in pochi giorni. Turismo? Disattenzione? Un giornalista italiano, corrispondente a Parigi, ha avanzato l' idea che questo Paese abbia la popolazione più vecchia d' Europa, sapendo che il coronavirus attacca principalmente gli anziani. Questa spiegazione non è convincente. Se l' Italia si trova in questo stato deplorevole, sembra più un caso.

Per certo la maggior parte degli Stati africani non ha ricevuto la visita inopportuna di questo virus, ma non è un motivo per abbassare la guardia e di non prepararsi nel caso in cui decida di andarsi a crogiolare al sole .

Curiosamente, i francesi si sono precipitati nelle librerie per acquistare il romanzo di Albert Camus «La Peste», scritto nel 1947.

La letteratura continua a essere presa sul serio. In che modo questo romanzo illuminerà i lettori che sono molto informati ma non rassicurati? Peraltro, il bacillo della peste è diverso dal coronavirus, nato dagli animali selvatici mangiati dai cinesi.

Non dimenticherò mai la prima volta che ho letto questo libro. Sconvolto, ho immediatamente cercato la «peste» nel mondo in cui vivevo in quel momento. Accadde ad Orano nel 1940. Ratti a migliaia vengono a morire in questa città. Portano in sé il bacillo della peste, un male incurabile a quei tempi. Ed ecco che gli abitanti iniziano a morire, in gran quantità.

Il Dr. Rieux, (l' alter ego dell' autore) combatte come meglio può contro questa tragedia. L' attribuisce all' assurdità della vita. La malattia viene e com' è arrivata se ne va, lasciando un messaggio agli umani per ricordare loro che l' uomo è portatore di qualcosa che assomiglia a questo bacillo, il male, che «non sarà mai completamente spazzato via».

Per Camus, la peste del tempo era il nazismo (che chiameremo quindi «la peste bruna»). La resistenza contro questo male assoluto non è totale. Ci sono collaborazionisti, uomini cinici e opportunisti, come Cottard che approfitta della situazione per organizzare il mercato nero, c' è il prete, padre Paneloux, che, come vediamo oggi, pensa che questa epidemia sia una «punizione divina», un castigo inviato da Dio per colpire coloro che si allontanano dal suo cammino.

Il «complotto» è diventato la spiegazione sistematica di ciò che sta accadendo nel mondo. Ho sentito che sono stati «i servizi segreti americani» a inviare questo virus per infettare la Cina e paralizzare la sua economia. Assurdo! Alcuni giorni dopo apprendiamo che anche gli americani sono stati contagiati. Nel frattempo, Trump afferma in televisione che «l' America distruggerà questo virus». Non ha distrutto nulla.

Il romanzo di Albert Camus rimane contemporaneo purché sia letto come una metafora multipla sulla precarietà della condizione umana. L' agonia e poi la morte di un bambino (il figlio del giudice Othon), raggiunto dal bacillo della peste, fa dire a Camus, o più precisamente al dottor Rieux: «Rifiuterò fino alla morte di amare questa creazione dove i bambini vengono torturati». Oggi le immagini di bambini colpiti nella provincia siriana di Iblid da bombe siriane e russe ci raggiungono ogni sera sui nostri schermi e siamo sconvolti come il dottor Rieux è di fronte a questa tragedia.

Il coronavirus - invisibile a occhio nudo - sta colpendo indiscriminatamente persone integre e persone fragili. Anche l' economia è sotto attacco. I sostenitori del razzismo devono confrontarsi con un male che ricorda loro come il colore della pelle non faccia parte di una gerarchia sociale. Per quanto riguarda i politici, non sanno come comportarsi di fronte al pericolo invisibile che sta dilagando allegramente, come se l' uomo che ha maltrattato così tanto il pianeta fosse invincibile.

Non sono d' accordo con padre Paneloux, ma è chiaro che di tanto in tanto natura e assurdo si uniscono per vendicarsi dell' uomo riducendolo a poco, un corpo i cui polmoni vengono divorati dall' interno fino alla morte per asfissia.
(Traduzione di Carla Reschia La Stampa)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA