attualita

Francesco: troppi lavoratori sfruttati e senza dignità

Alessandro Di Bussolo Ansa - ALESSANDRO DI MEO

Come riscattare il lavoro dalla logica del profitto

San Giuseppe, impegnato in un mestiere duro come quello del falegname e carpentiere nella Palestina ai tempi di Gesù, e suo figlio che impara da lui il lavoro, fanno riflettere Papa Francesco, nella catechesi dell’udienza generale di questo mercoledì, sul dramma di chi non ha un'occupazione che gli “permetta di vivere serenamente”. Ma anche di chi fa mestieri usuranti, in nero, chi muore lavorando, i bambini costretti a lavorare. Per loro il lavoro, più che “un mezzo di umanizzazione, diventa una periferia esistenziale”. Così Francesco invita tutta la Chiesa a domandarsi cosa fare “per recuperare il valore del lavoro” e perché “sia ricattato dalla logica del mero profitto e possa essere vissuto come diritto e dovere fondamentale della persona, che esprime e incrementa la sua dignità”. E chiede ai governanti di "dare a tutti la possibilità di guadagnare il pane, perchè questo guadagno dà loro la dignità".

Il falegname e carpentiere, un mestiere duro
Nella settima catechesi dedicata alla figura di san Giuseppe, Francesco guarda al suo lavoro di “falegname” che nella Palestina di quegli anni voleva dire anche preparare il legno per costruire case e spesso impegnarsi “in attività legate all’edilizia”. Mestiere duro, che “non assicurava grandi guadagni”, sottolinea il Pontefice, e che non era considerato certo nobile dalla gente di Nazaret. Che si stupisce e si scandalizza quando Gesù, “il figlio del falegname” comincia a predicare e insegnare nella sinagoga, e parla "come un dottore della legge" . “Da dove gli vengono – si chiedono nel Vangelo di Matteo letto in Aula Paolo VI – questa sapienza e i prodigi?”.

Da Giuseppe e Gesù a tutti i lavoratori del mondo
Papa Francesco sottolinea anche che i pochi guadagni di Giuseppe si deducono dal fatto che quando con Maria presenta Gesù nel Tempio, insieme “offrirono solo una coppia di tortore o di colombi, come prescriveva la Legge per i poveri”. Parlare della vita di Giuseppe e Gesù, porta il Papa a pensare “a tutti i lavoratori del mondo”, in modo particolare “a quelli che fanno lavori usuranti nelle miniere e in certe fabbriche; a coloro che sono sfruttati con il lavoro in nero; alle vittime del lavoro; ai bambini che sono costretti a lavorare e a quelli che frugano nelle discariche per cercare qualcosa di utile da barattare...”.

La piaga del lavoro in nero
E ripete per rafforzare il messaggio, ricordando che i lavori in nero, "danno lo stipendio di contrabbando, di nascosto, senza la pensione, senza niente. E se non lavori, tu, non hai alcuna sicurezza". Oggi ce n'è tanto, di lavoro in nero, aggiunge. Francesco torna sui bambini "che nell’età del gioco, devono giocare, costretti a lavorare come persone adulte! ". Ma pensa anche “a chi è senza lavoro; a quanti si sentono giustamente feriti nella loro dignità perché non trovano un lavoro”.

Quanta gente va a bussare alle porte delle fabbriche, delle imprese: “Ma, c’è qualcosa da fare?” – “No, non c’è, non c’è …”. Tornano a casa: “E? Hai trovato qualcosa?” – “ No, niente … sono passato dalla Caritas e porto il pane”. Quello che ti dà dignità non è portare il pane a casa. Tu puoi prenderlo dalla Caritas: no, questo non ti dà dignità.

L'appello ai governi e il dramma dei suicidi dei senza lavoro
Per questo il Pontefice ribadisce il suo appello, lasciando il discorso preparato: I governanti devono dare a tutti la possibilità di guadagnare il pane, perché questo guadagno dà loro la dignità. E’ un’unzione di dignità, il lavoro. E questo è importante. Molti giovani, molti padri e molte madri vivono il dramma di non avere un lavoro che permetta loro di vivere serenamente. E tante volte la ricerca di esso diventa così drammatica da portarli fino al punto di perdere ogni speranza e desiderio di vita... (Vatican News)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA