NOTIZIE >

Assisi, al cortile di Francesco arriva Alice, la Greta italiana

La ragazza romana paladina dell'Ambiente

di REDAZIONE

Questo Cortile di Francesco è "un inno alla vita", dice il custode del Sacro convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, a conclusione di un'altra giornata ricca di idee e di proposte per la società di oggi e soprattutto per quella di domani. Nelle sale del Convento e davanti alla Basilica di San Francesco d’Assisi si sono così incrociati economisti, filosofi, giornalisti, politici, donne e uomini, in una serie di confronti sull'economia, l'ambiente, l'informazione. E in tutti questi momenti c’è stato il richiamo alla straordinaria esperienza e testimonianza di Frate Francesco.

Ha cominciato il direttore del Sole 24 ore, Fabio Tamburini, osservando che lo spirito francescano "può aiutare ad indicare la strada giusta, perché occorre andare oltre la ricerca del profitto fine a se stesso". Poi e' stata la volta di Alice, la ragazza romana definita la Greta italiana, la paladina della lotta per salvare l'ambiente e il mondo: "Una volta - ha raccontato ai frati - ho parlato dei cambiamenti climatici in classe, ma non ha aiutato. Ma quando ho iniziato a portare la borraccia e la frutta e la verdura dentro il mio porta merenda molti compagni hanno cominciato a fare lo stesso".

È arrivato anche il ministro degli esteri, Luigi Di Maio, ad annunciare una collaborazione dell'Italia con partner europei per affrontare e mettere fine al conflitto libico. Poi il presidente della Fnsi, Beppe Giulietti, ha annunciato un incontro europeo dei giornalisti, proprio ad Assisi. il 24 e 25 gennaio prossimo, sulla Carta di Assisi che chiede agli operatori dell'informazione di utilizzare le parole in modo corretto, non come pietre che vanno ad alimentare odio e paure. Sono arrivati anche gli esponenti delle Ong a parlare della loro esperienza fra accoglienza e diritto internazionale e il filosofo Massimo Cacciari ha tenuto la sua conferenza nella Basilica Superiore di San Francesco sotto gli affreschi di Giotto.

Tutti incontri - che proseguiranno fino a domenica - con protagonisti della società civile che hanno visto la presenza di centinaia di persone. Il Cortile di Francesco - ha sottolineato il direttore della Sala stampa del Sacro convento, padre Enzo Fortunato - sta facendo emergere la bellezza del raccontarsi e del percepire elementi comuni per andare avanti insieme al di là delle differenze. Le Ong si raccontano per comunicare le ragioni dell'aiuto verso gli altri e comprendere anche quelle di chi dice 'Siamo qui anche noi, anche noi abbiamo bisogno di aiuto". A chiudere la quattro giorni il fotografo Sebastião Salgado e il Cardinale Gianfranco Ravasi in dialogo, tra parole e immagini, su popoli, comunità e ambiente tema, quest’ultimo, che ritroviamo nell’immagine ufficiale dell’evento rappresentata da uno scatto del maestro brasiliano in Amazzonia.

Tutte le informazioni su www.cortiledifrancesco.it


REDAZIONE

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits