fede

Il francescano Placido Cortese è ora venerabile 

Gelsomino Del Guercio

Pagò il suo eroico silenzio con la morte 

Un francescano eroe - che ha salvato la vita a centinaia di persone - è stato dichiarato venerabile. Si tratta di Padre Placido Cortese. Papa Francesco ha, infatti, riconosciuto le sue virtù eroiche.

La testimonianza di padre Cortese, direttore del “Messaggero di sant’Antonio”, “rifulse soprattutto durante la Seconda guerra mondiale, quando si prese cura, in particolare, degli internati sloveni e croati nei campi di concentramento italiani, di ebrei, di militari alleati ricercati e di altri, di persone perseguitate dal nazifascismo – si legge in una nota diffusa dal Messaggero di Sant’Antonio -. Grazie alla rete Fra.Ma, di cui era tra i principali protagonisti nella zona di Padova, padre Cortese riuscì a mettere in salvo centinaia di persone. E questo fino alle estreme conseguenze: la cattura, le brutali torture e la morte a Trieste, nel novembre 1944, nella sede della Gestapo, la polizia segreta nazista, che non riuscì a piegare il suo eroico silenzio”.

IL MIRACOLO O L’ODIUM FIDEI
Per procedere alla beatificazione, basterà ora l’accertamento di un miracolo, ottenuto per l’intercessione del venerabile padre Placido Cortese.

“Occorre aggiungere – prosegue la nota – che rimane la speranza di poter giungere anche al riconoscimento del ‘martirio’ di padre Placido, riprendendo l’originale impostazione della causa successivamente mutata dalla Congregazione delle cause dei santi, in attesa di acquisire elementi certi sul martirio ‘in odium fidei’, come richiesto dalle normative ecclesiastiche. Se verrà riconosciuto il martirio, padre Cortese sarà beatificato e non sarà necessario l’accertamento del miracolo”.

LEGGI ANCHE: Fra Placido Cortese, il frate bruciato nei lager dei nazisti

LA MEDAGLIA D’ORO
Il Messaggero di Sant’Antonio ricorda che “la promulgazione delle virtù eroiche è di grande rilievo e si aggiunge ai prestigiosi riconoscimenti attribuiti a padre Cortese in altri ambiti, come la Medaglia d’oro al merito civile concessa e consegnata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel febbraio 2018 e, ultimamente (gennaio 2021), la posa della ‘pietra d’inciampo’ davanti alla Basilica del Santo, nel punto dove avvenne la cattura. Di padre Placido troviamo la memoria nei Giardini dei Giusti di Padova e Milano, e non solo, ed è auspicabile il suo inserimento anche nello Yad Vashem di Gerusalemme”.



“SACERDOTE ESEMPLARE”
Il pronunciamento della Chiesa “ci riconsegna un uomo, un francescano e un sacerdote esemplare nelle virtù praticate perché totalmente uomo di Dio e, di conseguenza, totalmente dedito alla causa dell’uomo oppresso e vilipeso, difendendone i diritti e la dignità”.

LEGGI ANCHE: Una pietra d'inciampo per padre Placido Cortese

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA