fede

Da Montepaolo a Rimini con "Sant'Antonio nello zaino" 

Gelsomino Del Guercio Pixabay

La reliquia del Santo ripercorrerà gli 80 chilometri  di cammino

Sulle colline forlivesi, nell’eremo di Montepaolo (provincia di Forlì Cesena), sant’Antonio di Padova arrivò nel giugno 1221, rimanendovi per oltre un anno. La vicina Rimini è città del suo annuncio evangelico e di alcuni tra i suoi più famosi miracoli.
Il progetto «Antonio 20-22», unirà questi due luoghi antoniani con uno speciale cammino a piedi-pellegrinaggio a tappe compiuto da un piccolo gruppo di camminatori e da quanti vorranno aggregarsi.

“LA VOCE E IL MIRACOLO”
Dopo una anticipazione, con una due giorni di cammino e spiritualità vissuti tra Dovadola e Montepaolo il 17 e 18 luglio scorsi, con agosto l’attenzione antoniana in Emilia Romagna entra nel vivo: domenica 8 agosto sarà inaugurata al Museo della Città di Rimini «La Voce e il Miracolo. Espressioni del contemporaneo», mostra collettiva esito del lavoro di 27 artisti che si sono confrontati con l’avvincente storia di Antonio di Padova, esprimendo con la loro sensibilità creativa un “nuovo volto” di Antonio. La mostra resterà visitabile a Rimini fino al 29 agosto, per trasferirsi poi dall’11 settembre al 4 ottobre a Bologna, nella Cappella Muzzarelli della Basilica di San Francesco.

LEGGI ANCHE: Viaggia insieme a Sant'Antonio da Padova sino a La Verna di Francesco d'Assisi

LE TAPPE DEL CAMMINO DAL 17 AGOSTO
Martedì 17 agosto, dopo un momento di preghiera pubblico con la comunità di clarisse che vi risiede, verrà avviato il cammino a piedi dall’eremo di Montepaolo, facendo una breve tappa a Castrocaro Terme. Giornate di cammino più intense le successive, con meta a Bertinoro mercoledì 18 e a Longiano giovedì 19. Qui saranno previste, oltre alle celebrazioni liturgiche anche in orario preserale, le visite al Museo Interreligioso di Bertinoro e al Museo d’Arte Sacra di Longiano. Venerdì 20 tappa a Santarcangelo di Romagna, per poi arrivare a Rimini sabato 21, con appuntamento conclusivo alla chiesa di San Bernardino alle ore 12, per un momento di preghiera insieme alla comunità delle clarisse e al vescovo della città, mons. Francesco Lambiasi. Sabato pomeriggio, oltre alle iniziative al museo, verrà organizzato al “Bagno 62” un laboratorio antoniano per bambini (ore 16) e la presentazione del romanzo storico Antonio segreto (ed. Edizioni Messaggero Padova) a cura dell’autore Nicola Vegro (ore 18).

TREKKING URBANO SUI LUOGHI DI ANTONIO
Ancora all’insegna del cammino l’attività di domenica 22 agosto, con un trekking urbano tra i luoghi riminesi segnati dalla presenza di sant’Antonio (partenza ore 9.00 dal Museo della Città) che si concluderà con la Santa Messa nella chiesa che sorge di fronte al Tempietto antoniano, la chiesa dei Paolotti, alle 11.30.

LEGGI ANCHE: Stai vivendo un momento di sofferenza? Chiedi con questa preghiera la grazia a Sant'Antonio

800 ANNI DEL SANTO
L’iniziativa si colloca nel contesto del Progetto «Antonio 20-22», di valorizzazione degli ottocentenari antoniani del triennio: 1220 la vocazione francescana di Antonio, 1221 il suo naufragio in Italia e il primo incontro con san Francesco, 1222 il suo svelarsi al mondo come grande predicatore e santo, nella cattedrale di Forlì. «Antonio 20-22» è espressione dei Frati minori conventuali della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova, voluto e ideato – insieme ai collaboratori laici – da alcune delle principali realtà della famiglia antoniana: la Basilica del Santo, il «Messaggero di sant’Antonio», l’Associazione Cammino di sant’Antonio, il Centro Francescano Giovani – Nord Italia, la Peregrinatio Antoniana.



IL MESSAGGIO GIOIOSO DEI FRATI
«Chi volesse partecipare è il benvenuto! – spiegano gli organizzatori del progetto «Antonio 20- 22», - Basta si presenti all’orario di partenza, ci affianchi lungo il cammino per 1, 10, o tutti gli 80 chilometri, o si faccia presente a una delle iniziative... ben disposto! Avremo con noi nello zaino una reliquia di sant’Antonio, consegnata di volta in volta in custodia alla comunità cristiana o alla presenza francescana del paese ospitante, fino alla ripartenza del mattino successivo. Anche alcuni eventi culturali e di spiritualità lungo il percorso celebreranno l’ottocentenario della vocazione francescana di sant’Antonio di Padova e del suo passaggio in Romagna».

LEGGI ANCHE: Sant’Antonio e l’affinità con Francesco

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA