Diario di bordo

Il respiratore diventa portatile. Ed è tutto italiano

Domenico Sturabotti symbola.net

Protagonisti la SECO di Arezzo e la IBD di Mantova

Una partnership tutta italiana ha creato il ventilatore polmonare portatile, facile da usare a casa, touch screen e molto intuitivo, per tutti i pazienti con polmonite da coronavirus.

La storia di chi lo ha reso possibile è iniziata circa 40 anni fa. Subito dopo essersi diplomati all’istituto tecnico industriale, in un garage di Bibbiena (AR), Luciano Secciani e Daniele Conti realizzarono il loro primo computer. Era il 1979. La Motorola di Chicago lanciava sul mercato il rivoluzionario microprocessore 68000, e a Cupertino in California, Steve Jobs e Steve Wozniak l’Apple II.

Sono passati oltre quarant’anni e i computer sono entrati nelle nostre case; grazie ad aziende come la SECO stanno entrando nei prodotti: dalle macchine delle palestre, ai robot per l’esplorazione nello spazio.

SECO è oggi una azienda leader nella produzione di micro computer, 380 dipendenti, oltre 55 milioni di fatturato (dal 2008 cresce del 15% anno), due fabbriche in Toscana, sedi a Boston, in Germania, India, Taiwan. Annovera tra i propri clienti aziende multinazionali quali Cimbali, Esaote, Technogym e Vimar.

In queste settimane insieme alla IBD di Mantova, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di dispositivi biomedici, ha realizzato Respira, un ventilatore polmonare portatile, pensato specificatamente per l’assistenza domiciliare dei pazienti con polmonite da Covid-19. I nuovi ventilatori rispondono a tre esigenze: piccole dimensioni per favorire l’utilizzo domestico, basso costo e semplicità di utilizzo in assenza di medici o tecnici. L’inizio delle consegne dei nuovi ventilatori polmonari è previsto tra la fine di maggio e l’inizio di giugno 2020. (Symbola.net)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA