NOTIZIE > fede

Quando il Cardinal Tettamanzi ci disse: 'il Papa lo si fa dal tetto in sù'

Sì, è proprio vero. Ad agire nella storia di ogni uomo, o nella vita quotidiana, è lo Spirito Santo quando il cuore si lascia toccare dalla sua aspirazione.

di Enzo Fortunato
Quando il Cardinal Tettamanzi ci disse: 'il Papa lo si fa dal tetto in sù'

Alcuni anni fa ero a cena con il cardinale di Milano, Dionigi Tettamanzi. L'alto prelato si trovava in Assisi con i medici cattolici per un incontro spirituale. Tra una conversazione e l'altra il discorso cadde sulle modalità elettive del papa: gli fu chiesto se, come cardinale di Milano e «artefice» di uno dei documenti più importanti del pontificato di Giovanni Paolo II, Veritatis splendor, si sentisse tra i «papabili». Mi rispose con un sorriso: «Veda: il papa non lo facciamo noi, ma lo si fa dal tetto in su». Una risposta che, a distanza di alcuni anni, rivela la sua sorprendente verità come lente per leggere i conclavi passati fino a quelli più recenti. Come lente per leggere ed eleggere ogni realtà.


Sì, è proprio vero. Ad agire nella storia di ogni uomo, o nella vita quotidiana, è lo Spirito Santo quando il cuore si lascia toccare dalla sua aspirazione. Un'azione che supera le logiche umane, ma le invade e le orienta al bene dell'umanità e per l'umanità, così che l'uomo diventa docile strumento dello Spirito Santo. Ogni uomo, lasciandosi orientare dalla parola di Dio, manifesta la sua bellezza.


San Francesco ci lascia delle pagine sorprendenti: desiderava che il ministro generale dell'Ordine fosse lo Spirito Santo e che quindi la sua elezione avvenisse il primo giorno di Pentecoste. Facciamo nostra quella bellissima preghiera conclusiva della Lettera a tutto l'Ordine che ci fa conoscere l'azione dello Spirito Santo nella nostra vita:
Onnipotente, eterno, giusto e misericordioso Iddio, concedi a noi miseri di fare, per tuo amore, ciò che sappiamo che tu vuoi, e di volere sempre ciò che a te piace, affinché, interiormente purificati, interiormente illuminati e accesi dal fuoco dello Spirito Santo, possiamo seguire le orme del tuo Figlio diletto, il Signore nostro Gesù Cristo, e con l'aiuto della tua sola grazia giungere a te, o Altissimo, che nella Trinità perfetta e nell'Unità semplice vivi e regni e sei glorificato, Dio onnipotente per tutti i secoli dei secoli. Amen (FF 233).
di padre Enzo Fortunato - Siate Amabili ed. Messaggero


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori

20-02-2013 15:05:43
giovanni, Sardegna
La frase citata e riportata nell'articolo, e come sempre in modo affabile dal Direttore, ci deve far riflettere sui limiti della nostra stessa esistenza, sulla presunzione che l'uomo che fa e disfa a suo piacimento in questo universo. Invece non siamo nulla, a decidere tutto, e in special modo l'elezione della guida della chiesa cattolica LO SPIRITO SANTO, proprio cosi. Ci dimentichiamo troppo spesso di questo, la bellisima preghiera di Francesco ricordi a tutti che prima di onorare e ringraziare l'uomo bisogna guardare sopra i tetti...

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Quando il Cardinal Tettamanzi ci disse: 'il Papa lo si fa dal tetto in sù'" />
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits