NOTIZIE > religione

IL GRANDE GIORNO DI SAN FRANCESCO GAMBETTI: LA CAMPANIA  UN SUSSULTO DI SPERANZA

MIGLIAIA DI PERSONE HANNO INVASO LE PIAZZE E LE CHIESE PER CELEBRARE FRANCESCO PATRONO D'ITALIA

di Redazione online
IL GRANDE GIORNO DI SAN FRANCESCO
GAMBETTI: LA CAMPANIA  UN SUSSULTO DI SPERANZA
Credit Foto - Marco Giugliarelli

L'ARRIVO DI CONTE 

Intorno alle 9,30 il premier Giuseppe Conte è arrivato al Sacro Convento di Assisi. Ad accoglierlo il custode padre Mauro Gambetti, la Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e il portavoce dei francescani di Assisi, padre Enzo Fortunato.


PADRE MAURO: Il calore e il colore della Campania un sussulto di speranza per tutto il Paese


Di fronte a una basilica superiore gremita di un popolo gioioso e festante a fianco delle autorità religiose e civili di tutta Italia, il Custode del Sacro convento Padre Mauro Gambetti ha rievocato l'accoglienza ricevuta durante una visita a Napoli.

Ecco parte del suo intervento: 


"Ricordo - ha detto Gambetti - il percorso in auto per arrivare alla Curia vescovile. Una vigilessa di ferro ci impedì di prendere la via breve, in quel giorno interdetta al traffico. Il navigatore ci spinse in un labirinto di stretti vicoli del quartiere Spaccanapoli. Un’esperienza indimenticabile. I muri degli edifici sembravano convergere verso un punto all’orizzonte. Immaginavo la scena e i titoli: frati incastrati con l’auto in un vicolo di Napoli; ma al contempo ero trasecolato, afferrato dal fascino di quelle vie. Raggi di sole che facevano capolino tra gli alti palazzi e zone d’ombra che rendevano cupi gli anfratti tra le abitazioni, degrado e bellezza, energia vitale e aria stagnante. Porto con me quell’immagine. Mi pare che rappresenti l’Italia di oggi".


"Cosa fare? - ha proseguito il Custode - Cedere allo scoraggiamento e ritirarsi davanti alle difficoltà? O, all’opposto, intervenire con il pugno duro per eliminare i problemi (e i cattivi)?  Gli adulti sanno che non esiste il popolo dei puri; vivono responsabilmente e convivono civilmente, si sporcano le mani ed evitano giudizi sommari, lottano e pazientano in mezzo alle contraddizioni della realtà. Quanti campani ho visto agire così! E quanti italiani! In tal modo si costruisce la società!" 


L'OMELIA DEL CARDINAL SEPE


Il cardinal Sepe ha celebrato la messa solenne delle 10 in basilica superiore. 


Nel corso dell'omelia, Sepe ha ricordato che "Francesco si è recato in Campania agli inizi del 1200. La nostra regione è stata da sempre segnata dal fascino del suo carisma. Sono tanti i santi – religiosi e laici – che si sono ispirati a lui. Tante le chiese, i conventi, le opere sociali nate da quell’esperienza, così profondamente radicata nel tessuto civile e religioso del nostro popolo".


"La vicenda di Francesco - ha proseguito - è oggi, di grande attualità anche per il dialogo interreligioso e per la pace mondiale, tanto da rappresentare, pur a distanza di molti secoli, l’avvenimento più emblematico nella ricerca di coesione e reciprocità tra popoli e culture diverse. 

Un dialogo che continua a dare i suoi frutti, creando condizioni di interlocuzione e di pace, mentre registriamo un forte processo di immigrazione che resta una grande questione mondiale, una difficile sfida per la politica, per la società civile, per la nostra identità culturale e religiosa". 


"Qui, ad Assisi, - ha concluso il cardinale - con l’offerta dell’olio che alimenta la lampada votiva di Francesco, la Campania, nel solco della sua tradizione millenaria, vuole gridare il suo impegno a lavorare per la pace nel mondo e la concordia tra i popoli; a rispettare e difendere la bellezza del Creato come dono di Dio; a fare della lotta alla povertà non un occasionale gesto di solidarietà ma il progetto di una società più giusta e a dimensione umana. E’ l’intera Campania che ad Assisi, davanti a San Francesco, ripete e conferma, con la fiducia e l’audacia del Santo Patrono dell’Italia,  In letizia nonostante tutto"


Le ultime parole affidate alla benedizione, in dialetto napoletano: "
Dio Vi benedica, e ‘A Maronna V’accumpagna!"


I SALUTI DELLE AUTORITA' CIVILI E RELIGIOSE DALLA LOGGIA DEL SACRO CONVENTO


Primo saluto istituzionale dalla loggia del Sacro Convento affidato al Ministro Generale dell'Ordine Francescano, Marco Tasca, che ha sottolineato come "l'accoglienza illumina il nostro presente e come la fraternità ne sia il tratto distintivo: riconoscendo l'altro come fratello, diventiamo il lievito che fermenta la massa dal di dentro".

A seguire, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: 


“La Campania è tutta in questa piazza. Coi suoi sindaci, la sua gente, le sue contraddizioni, le sue sofferenze. E dalla Campania sorge un messaggio di speranza: quando ricordiamo Francesco e il suo messaggio, ci sentiamo una grande famiglia unita. 


Viviamo un tempo complicato, siamo travolti da immagini e parole, spesso false, siamo trascinati in una dimensione di vita spesso finta. Siamo obbligati ad allontanarci da valori umani fondamentali. Francesco è il richiamo alla terra, alle radici ai valori dei nostri antenati.


Abbiamo la necessità di rivivere quei grandi valori, perché la crisi più grave della nostra epoca è la crisi dell’autorità. Francesco decise di rispettare l’autorità, ma non rimanendo passivo, dando vita a una rivoluzione spirituale.


La coerenza di vita è un messaggio per chi crede e per chi non crede. Francesco è portatore di valori di umanità più alti. L’attuale secolo deve vedere l’umanità raggiungere un sistema di valori umani fondamentali: uguaglianza, lotta alla povertà, rispetto per la donna e la sua integrità”.

Torniamo oggi alle nostre case – ha concluso De Luca - più ricchi di spiritualità. Fra tanti problemi che abbiamo in Italia, c’è bisogno di serenità".


CONTE: NON POSSEDIAMO IL NOSTRO PAESE, LO CUSTODIAMO


"San Francesco - ha esordito Conte - ha attuato il messaggio più rivoluzionario mai concepito: gli ultimi diventano i primi. Questo dovrebbe essere il messaggio che orienta chi guida la res pubblica. Lavorare per il Bene Comune è mettere le persone al centro delle proprie iniziative.


Il premier ha poi rivendicato il Decreto Dignità: “Dignità è una parola troppo spesso trascurata, che abbiamo associato al tema del lavoro”.

Un lavoro che spesso manca, espressione di un’economia che deve rispettare l’ambiente per garantire il futuro ai giovani. “Non possediamo il nostro paese, lo custodiamo”, ha concluso Conte. 


In seguito il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, ha ricordato come il tema ambientale sia chiave, specie nella città di san Francesco, per consegnare alla giovani generazioni un futuro più equo.


L'amministrazione della Città ha fatto di questo tema il suo tratto distintivo, e oggi pomeriggio, alle 15 in Comune, verrà firmato un Protocollo d'Intesa con il ministro dell'ambiente Sergio Costa.


A chiudere, il vescovo di Assisi, Gualdo Tadino e Nocera Umbra, Domenico Sorrentino: "Nel Santuario della Spoliazione, sede della nostra diocesi, c'è il luogo in cui san Francesco si spogliò di tutto per essere fratello universale, povero con i poveri." 

Infine, Sorrentino ha esortato i tanti campani presenti ad affrontare i problemi con una "speranza nuova". 

GLI APPUNTAMENTI DEL POMERIGGIO 

GUARDA LE FOTO DELLA FIRMA DEL PROTOCOLLO  

Nella Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, si è tenuta la firma del protocollo d’intesa “La carta dei sindaci solidali con la povertà” presenti il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti. A seguire inaugurazione mostra “I luoghi di San Francesco in Campania” allestita nella piazza Inferiore di San Francesco e realizzata dall'architetto Marco Capasso della Capware.


VERSO IL 4 OTTOBRE


10mila i pellegrini attesi alle celebrazioni per la festa di San Francesco. Per facilitare l’accesso, per motivi di ordine pubblico e regolare l’afflusso alle Basiliche sono stati predisposti dei PASS gratuiti.

Per la Basilica di San Francesco d’Assisi sarà possibile assistere (con PASS), dalle piazze antistanti le Basiliche, tramite maxischermo, alla Solenne Celebrazione del 4 ottobre alle 10.00. Anche per partecipare alle Messe in Basilica Inferiore i pellegrini dovranno essere provvisti di PASS che potranno essere  ritirati e richiesti, fino ad esaurimento degli stessi, entro le 18.00 di mercoledì 3 ottobre presso l’Ufficio Informazioni della Basilica di San Francesco oppure il 4 ottobre dalle 8.00 alle 11.00 presso l’infopoint allestito in Piazza San Pietro ad Assisi.

PASS VERDE: accesso al prato della Basilica Superiore

PASS ROSSO: accesso alla Piazza della Basilica Inferiore

PASS BLU: accesso nella Basilica Inferiore

Le celebrazioni in Basilica Inferiore si terranno dalle 6.00 alle 12.00 e verranno trasmesse in diretta sul canale facebook ufficiale di San Francesco d’Assisi e sul sito www.sanfrancesco.org.

La Messa solenne delle ore 10.00, dove si terrà l’accensione della Lampada votiva e il successivo discorso alla Nazione del Presidente del Consiglio, verrà trasmessa in diretta su Rai1. 

*** *** *** ***

INFORMATIONS TO PARTICIPATE IN THE CELEBRATIONS OF THE FEAST OF ST. FRANCIS

About 10 thousand pilgrims are expected to celebrate the feast of St. Francis. To facilitate access, free passes have been set up for reasons of public order and regular influx to the Basilicas.

For the Basilica of San Francesco d'Assisi it will be possible to assist (with PASS), from the plazas in front of the Basilicas, with a giant screen, to the Solemn Celebration of 4 October at 10.00.

Also to participate in the Masses in the Lower Basilica the pilgrims must have PASS that they can pick up and request, until 18.00 on Wednesday 3 October at the Information Office of the Basilica of San Francesco or on October 4 from 8.00 to 11.00 at the infopoint in Saint Peter's Square in Assisi.

GREEN PASS: access to the lawn of the Upper Basilica

RED PASS: access to the Plaza of the Lower Basilica

BLUE PASS: access to the Lower Basilica

 

The celebrations in the Lower Basilica are from 6.00 to 12.00 and will be broadcast live on the official facebook channel of San Francesco d'Assisi and on the website www.sanfrancesco.org

The solemn Mass of 10.00, with the lighting of the votive Lamp and the speech to the President's Council Nation, will be broadcast live on Rai1.

*** *** *** ***

INFORMACIÓN PARA PARTICIPAR EN LAS CELEBRACIONES DE LA FIESTA DE SAN FRANCISCO

Se espera que alrededor de 10 mil peregrinos celebren la fiesta de San Francisco. Para facilitar el acceso, se han establecido pases gratuitos por razones de orden público y afluencia regular a las Basílicas.

Para la Basílica de San Francesco d'Assisi será posible asistir (con PASS), desde las plazas frente a las basílicas, con una pantalla gigante, a la celebración solemne del 4 de octubre a las 10.00.

También para participar en las Misas en la Basílica Inferior, los peregrinos deben tener un PASS que puedan recoger y solicitar, hasta las 18.00 del miércoles 3 de octubre en la Oficina de Información de la Basílica de San Francisco o el 4 de octubre de 8.00 a 11.00 en el punto de información Plaza de San Pedro en Asís.

 

PASO VERDE: acceso al césped de la Basílica Superior

ROJO PASS: acceso a la Plaza de la Basílica inferior

PASE AZUL: acceso a la Basílica inferior

 

Las celebraciones en la Basílica Inferior son de 6.00 a 12.00 horas y se transmitirán en vivo en el canal oficial de Facebook de San Francesco d'Assisi y en el sitio web www.sanfrancesco.org

La misa solemne a las 10:00, con el encendido de la lámpara votiva y discurso a la nación por el Presidente del Consejo, será transmitido en vivo por la RAI 1.

*** *** *** ***

INFORMACJE DO UDZIAŁU W UROCZYSTOŚCIACH ŚWIĘTOWANIA FRANCISZKA

Oczekuje się, że około 10 tysięcy pielgrzymów będzie obchodzić święto św. Franciszka. Aby ułatwić dostęp, ustanowiono bezpłatne przepustki ze względu na porządek publiczny i regularny dopływ do bazyliki.

Za Bazylikę św. Franciszka z Asyżu będzie można asystować (z PASS), z placów przed Bazylikami, z olbrzymim parawanem, w uroczystą uroczystość 4 października o godzinie 10.00.

Aby wziąć udział w Mszach w Dolnej Bazylice, pielgrzymi muszą mieć PASS, który mogą odebrać i poprosić o pomoc do 18.00 w środę 3 października w Biurze Informacyjnym Bazyliki San Francesco lub 4 października od 8.00 do 11.00 w punkcie informacyjnym w Plac Świętego Piotra w Asyżu.

ZIELONY PASS: dostęp do trawnika w górnej Bazylice

CZERWONY PASS: dostęp do Piazza della Basilica Inferiore

NIEBIESKI PASS: dostęp w Bazylice Dolnej

 

Uroczystości w Dolnej Bazylice trwają od 6.00 do 12.00 i będą transmitowane na żywo na oficjalnym kanale Facebook San Francesco d'Assisi oraz na stronie internetowej www.sanfrancesco.org

Uroczysta Msza o godz. 10.00, z zapaleniem wotywnej lampy i przemówieniem do Narodu Prezydenta, będzie transmitowana na żywo na Rai1.


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
GAMBETTI: LA CAMPANIA  UN SUSSULTO DI SPERANZA" />
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits