NOTIZIE >

Terremoto. Ecco i fondi per 600 chiese danneggiate

Stanziati 275 milioni, le diocesi potranno gestire direttamente e con procedure semplificate i lavori

Terremoto. Ecco i fondi per 600 chiese danneggiate
Credit Foto - ANSA

Annunciata da tempo, è stata emanata ieri mattina dal Commissario straordinario Piero Farabollini l’ordinanza per far partire i lavori in 600 delle 3.000 chiese danneggiate dal sisma del 2016 nel Centro Italia.

Lo stanziamento è di 275 milioni, le nuove procedure dovrebbe risultare più rapide e semplici. Questo almeno l’auspicio del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che già ai primi di giugno aveva promesso un’accelerazione durante un incontro con i vescovi delle diocesi interessate. Ieri Palazzo Chigi ha accompagnato il comunicato con un eloquente «finalmente », forse a descrivere l’impazienza che stava montando anche ai vertici del governo.

«È un impegno che avevo assunto personalmente – ha detto il premier dopo un vertice con il sottosegretario Vito Crimi e il capo della Protezione civile Angelo Borrelli –. La ricostruzione deve procedere più speditamente, contiamo sugli effetti dello sblocca-cantieri». «Ripristinare la fruizione delle chiese – spiega Farabollini in una nota – è un passo fondamentale nella ricostituzione delle comunità. Le diocesi – continua il commissario – potranno assumere il ruolo di soggetto attuatore e gli interventi saranno sostanzialmente equiparati alla ricostruzione privata».

L’elenco degli edifici, benché «non esaustivo», è «obbligatoriamente cristallizzato », ovvero non integrabile, ammette il Commissario. «Lavoriamo ad ulteriori stanziamenti », promette. Entro i prossimi 90 giorni, le diocesi interessate di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria potranno comunicare al Commissario, all’interno della lista pre- disposta dal governo, l’elenco degli interventi di cui vogliono occuparsi direttamente, fissando un ordine di priorità in cui i primi criteri sono l’interesse per la comunità, il valore culturale e il rischio di aggravamento del danno.

Nei prossimi 3 mesi le diocesi potranno anche comunicare la necessità di avviare i lavori per quegli edifici di culto che sono rimasti al palo nonostante l’ordinanza del 2017. L’ordinanza riguarda i lavori di valore inferiore a 600mila euro. Le diocesi individuano il Responsabile del procedimento e il Direttore dei lavori, procedendo con affidamento diretto per incarichi inferiori a 40mila o con il metodo dei 'cinque preventivi' - e della rotazione degli inviti - oltre tale soglia.

Anche la scelta delle ditte avviene interpellando almeno cinque diversi operatori economici, alternando gli inviti. Le imprese devono rispettare i requisiti di legge e avere la certificazione Antimafia. L’erogazione dei fondi dovrebbe avvenire a tappe: il 10% entro i 15 giorni successivi all’affi-damento dell’incarico al Responsabile del procedimento, il 40% alla sottoscrizione del contratto con l’impresa, il 30% entro un mese dal completamento dell’80% dei lavori e il saldo entro 30 giorni dal collaudo finale. Le diocesi si impegnano con il governo in una rendicontazione trimestrale.

Ieri Farabollini, al termine della cabina di regia a Rieti, ha emanato altre due ordinanze. La prima riguarda l’assegnazione dei fondi Inail (30 milioni) per la sicurezza sui luoghi di lavoro. La seconda riguarda l’approfondimento delle criticità geologiche determinate dalle faglie attive.

Marco Iasevoli - Avvenire



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits