NOTIZIE > francescanesimo

Novena Immacolata Settima Meditazione - Ave stella del mare

di Fra Diego Canino
Novena Immacolata Settima Meditazione - Ave stella del mare
Credit Foto - ANDREA COVA

Con un inno dell’VIII/IX secolo, la Chiesa saluta Maria, la Madre di Dio, come “stella del mare”Ave stella maris. L’origine di tale appellativo è sconosciuta. Secondo alcuni autori deriverebbe forse viene dalla Bibbia, dal primo Libro dei Re (18, 41-45), quando il profeta Elia dice al suo servitore: «Sali in cima e guarda dal lato del mare».

La salvezza è promessa da quella nuvola che si annuncia all’orizzonte e che il servitore intravede a stento. Secondo gli antichi Padri questa nuvoletta è la Vergine Maria che porterà al mondo il Cristo redentore di tutti gli uomini. Secondo altri, invece, il nome Maria, Miryam, deriverebbe da M + 'OR (= luce) + YAM (= mare), da cui l’origine dell’appellativo “stella del mare”.

Ad ogni modo, tanta è stata la devozione della Chiesa a questo titolo di Maria che molti santi, papi e dottori della Chiesa hanno incoraggiato la preghiera alla Vergine invocata sotto questo bellissimo titolo. San Bonaventura sostenne che tutte le grazie che hanno avuto gli angeli, gli apostoli, i martiri, i confessori, le vergini, sono confluite in Maria, il mare di grazie, e, san Luigi Maria Grignon de Montfort che Dio Padre ha radunato tutte le acque e le ha chiamate mare, ha radunato tutte le grazie e le ha chiamate Maria.


A me personalmente questo titolo fa pensare a quei momenti della vita in cui sono confuso e credo di avere perso la giusta direzione: quando mi sento come una barchetta in mezzo al mare in tempesta, un mare scuro e che fa paura, mentre io non ho più il controllo di me stesso. In quei momenti invoco su di me la protezione della Beata Vergine Maria, Ave stella del mare, e lei illumina la mia navigazione e mi indica il rifugio e il conforto nella preghiera, soprattutto il santo rosario, e nei sacramenti.

E così Maria, come la Stella Polare, la luce che guida i navigatori alla meta, guiderà anche me verso Gesù. Come una madre conduce suo figlio tenendolo per la mano, così sento che Maria ci tiene per mano e ci porta al Figlio suo, meta del nostro viaggio e nostra gioia.




Fra Diego Canino

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits