NOTIZIE > francescanesimo

La galassia francescana di Enzo Fortunato

Qui, ad Assisi, Francesco formò i suoi frati alla missione per un dialogo sincero e sereno con il mondo e con le altre religioni. Qui trovano ragion d’essere e ossigeno le sfaccettature della galassia francescana

di Enzo Fortunato
La galassia francescana di Enzo Fortunato
Credit Foto - Roberto Pacilio

Determinati a camminare nel solco tracciato da frate Francesco, ostinati nel cercare di costruire ponti piuttosto che alzare muri, pronti a rilanciare dalle tante Assisi nel mondo – luoghi del silenzio mistico e della parola che attraversa i tempi – la sfida di una umanità che si vuole incontrare, che vuole dialogare e che si vuole mettere comunque in cammino. Convinti del valore dell'entrare in rapporto con gli altri.

Perché non è questo – in un mondo attraversato da fenomeni nuovi, originali per la loro complessità e difficoltà, come la globalizzazione, le tecnologie, le migrazioni, che stanno modificando radicalmente la vita di ognuno mettendola in crisi – il momento di facili contrapposizioni e di sterili rivendicazioni. L'urgenza di rispondere alle sfide e alle emergenze dei nostri tempi non ce lo consente.

 Perché, ci ricorda Mahatma Gandhi, «la vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia». E non poteva che essere Assisi, oggi, il luogo dell'incontro, del dialogo e del cammino sotto la pioggia. Da qui frate Francesco partì – in tempi di crociate, violenze e miserie – per andare a incontrare il sultano d'Egitto Malik al-Kamil nel tentativo di fermare quella guerra. Qui, ad Assisi, Francesco formò i suoi frati alla missione per un dialogo sincero e sereno con il mondo e con le altre religioni. Qui trovano ragion d’essere e ossigeno le sfaccettature della galassia francescana.

 La comunicazione contemporanea, nelle sue varie modalità – carta stampata, radio, televisione, internet – ci restituisce quasi quotidianamente una realtà dura, costellata di violenze, steccati, egoismi e sopraffazioni. È la regola d'oro del giornalismo: “Bad news, good news”. Non si può certo darle torto. Eppure, se il cronista scavasse con attenzione, se gli uomini tenessero gli occhi e il cuore aperti, ci si accorgerebbe che ci sono anche altri fatti, altre esperienze good, che potrebbero essere anche delle good news come quel forno di Betlemme gestito da religiosi che dà aiuto alle persone più deboli, contribuendo a rafforzare i legami fra cristiani e musulmani.

E altre opere gestite dai francescani nella città, come una scuola, un orfanotrofio, che sono frequentate da cristiani e musulmani e vi lavorano cristiani e musulmani. La domanda, allora, sorge spontanea: quanti altri forni – cioè esperienze vere di vita in comune fra persone di religione diversa – esistono anche accanto a noi e non ne siamo a conoscenza?

Spetta a ognuno di noi – cronista o semplice uomo di buona volontà – il compito di portarli alla luce. La nostra parola d'ordine è allora: «Stupite incontrandovi». La galassia francescana, fatta di uomini e donne, di giovani e non, vuole aiutarci a stupire il mondo con la propria vita, con i propri gesti, con un respiro che nella Cripta ha le sue radici: Francesco.


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits