NOTIZIE > francescanesimo

FRANCESCANESIMO E MINORITISMO

Il minoritismo è impensabile senza il francescanesimo: anche se non è per nulla detto il contrario

di Franco Cardini
FRANCESCANESIMO E MINORITISMO
Credit Foto - Incisione su acciaio. Alcan. Parigi, 1877

Affrontiamo un argomento serio, che non manca mai di provocare malumore: francescanesimo e minoritismo. La distinzione, strenuamente difesa da uno studioso del calibro di Grado Giovanni Merlo, è – ci pare – del tutto legittima e anche molto intelligente. Il punto non è per nulla (contrariamente a quanto qualcuno sembra aver capito) il sostenere che l’Ordine dei frati minori, con i suoi otto secoli di storia e le sue varie famiglie, ha “tradito” o anche solo “manipolato” la primitiva vocazione del Padre. Il punto, semmai, sarebbe stabilire il rapporto tra volontà di Francesco e trasformazione della fraternitas dei poveri penitenti di Assisi in Ordine. Ci sono state una grande riforma e una grande rivoluzione nella Chiesa latina, tra XI e XIII secolo: di essa gli Ordini mendicanti (ma anche le Università, l’Inquisizione, le missioni, i “Monti di Pietà”…) hanno costituito uno dei risultati, peraltro a loro volta punto di partenza per sviluppi ulteriori.

Tuttavia francescanesimo e minoritismo non sono esattamente la stessa cosa, non sono propriamente sinonimi; ma non sono neppure propriamente diversi, e tantomeno opposti o incompatibili. Schematicamente, provvisoriamente, imperfettamente, potremmo dire che francescanesimo è tutto quel che attiene a Francesco di Bernardone d’Assisi, a frate Francesco; e che il minoritismo riguarda san Francesco, il Padre dell’Ordine (che possa esserne detto anche il vero e proprio Fondatore è un ulteriore problema, che qui non affronterò e che comunque sono inadeguato ad affrontare) e l’Ordine stesso.



Nessuna schizofrenia, per carità. D’altronde, il minoritismo è impensabile senza il francescanesimo: anche se non è per nulla detto il contrario. Potremo dire che il francescanesimo è l’anima di quell’essere del quale il minoritismo è il corpo? San Francesco è senza dubbio tale in quanto egli è frate Francesco; ma frate Francesco sarebbe stato comunque lui, anche senza le stimmate, senza il contributo di Elia e quello di Bonaventura, senza il rigore degli Spirituali e il genio degli Osservanti. Senza il travolgente successo che lo investì e che sotto certi aspetti parve quasi travolgerlo.


Franco Cardini
Professore ordinario di storia medievale presso l'Università di Firenze

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits