NOTIZIE > attualita

Vescovo Aleppo: Siria, terra flagellata da conflitto che sembra non finire

Puntata Speciale di Tg1 Dialogo, sabato alle 8.20 su Rai. In Siria a causa della guerra è tutto distrutto

di Enzo Fortunato
Vescovo Aleppo: Siria, terra flagellata da conflitto che sembra non finire
Credit Foto - Ansa - YOUSSEF BADAWI

Antoine Audo è Vescovo di Aleppo e presidente della Caritas Siriana. Lo abbiamo incontrato per farci raccontare cosa sta accadendo ancora in Siria.

Eccellenza, a distanza di sei anni come è la situazione in Siria e ad Aleppo?
A causa della guerra è tutto distrutto, non c’è più lavoro. Non c’è acqua, elettricità, ma tutto è estremamente caro. La situazione è di povertà generale che tocca tutta la gente, creando anche terreno fertile per il diffondersi di malattie. Chi può se ne va, soprattutto i cristiani ed è una grande perdita per la Chiesa e per la società.

Noi occidentali cosa possiamo fare per Aleppo?
La soluzione è solo la pace. Non è sufficiente portare aiuti. Vogliamo la pace, vogliamo una Siria unita, vogliamo un governo riconciliato per poter continuare a vivere con dignità e libertà. Questa è la responsabilità della comunità internazionale. I cristiani devono fare qualcosa per difendere la pace e la riconciliazione.

In tanti anni di guerra e bombardamenti, c’è qualcosa che ha compreso che prima non “vedeva”?
Da 25 anni sono vescovo e ho cercato di organizzare diocesi, formare sacerdoti e fare catechismo. Erano anni di gioia e attività. Da sei anni vedo come la distruzione sistematica del Paese, delle nostre famiglie, comunità sia la manifestazione della violenza e dell’ingiustizia. Questo è terribile a livello umano. Per quanto riguarda la fede è necessario cercare Dio e trovarlo in tutti quelli che pagano il prezzo di questa guerra. Quando vedo l’umiltà dei poveri, come ringraziano e danno una testimonianza di vera fede dicendo che si mettono nelle mani di Dio e non delle persone potenti, questa cosa mi tocca molto. Parlo di Cristiani e Musulmani uniti.

San Francesco nella sua vita che ruolo ha?
Da gesuita non posso non prendere spunto dall’Enciclica Laudato sì, ispirata a San Francesco per il rispetto della natura e della creazione. Se non rispetti la natura non si rispetta la creazione non si rispetta nemmeno l’uomo. Questa è la risposta di San Francesco a una domanda: perché la violenza?

ASCOLTA LA TESTIMONIANZA DI UN PROFUGO SIRIANO IN ITALIA 



Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits