NOTIZIE > attualita

Beato Angelo Tancredi è il «cavaliere buono», amico di Francesco

Beato Angelo Tancredi è il «cavaliere buono», amico di Francesco
Credit Foto - assisiofm.it

Nessun titolo onorifico e nessuna corte reale valgono quanto la possibilità di stare accanto ai testimoni di Dio e condividere la loro vocazione alla santità. Per questo il beato Angelo Tancredi da Rieti non esitò ad abbandonare la sua posizione di cavaliere e unirsi al piccolo "esercito" di san Francesco. Verso il 1223, quando Angelo era al servizio del cardinale di "Santa Croce in Gerusalemme" Leone Brancaleone, conobbe il Poverello di Assisi e decise di unirsi ai suoi frati minori. Un paio di anni dopo assieme ai compagni Leone e Rufino si trovò a cantare il Cantico delle Creatore a Francesco sul letto di morte dopo averlo assistito durante la malattia e con gli stessi due compagni, inoltre, scrisse la "Leggenda dei tre compagni". Di Angelo Tancredi, che morì nel 1258, san Francesco lodò la bontà e la gentilezza. Avvenire, Matteo Liut



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits