NOTIZIE > attualita

Beato Angelo Tancredi è il «cavaliere buono», amico di Francesco

Beato Angelo Tancredi è il «cavaliere buono», amico di Francesco
Credit Foto - assisiofm.it

Nessun titolo onorifico e nessuna corte reale valgono quanto la possibilità di stare accanto ai testimoni di Dio e condividere la loro vocazione alla santità. Per questo il beato Angelo Tancredi da Rieti non esitò ad abbandonare la sua posizione di cavaliere e unirsi al piccolo "esercito" di san Francesco. Verso il 1223, quando Angelo era al servizio del cardinale di "Santa Croce in Gerusalemme" Leone Brancaleone, conobbe il Poverello di Assisi e decise di unirsi ai suoi frati minori. Un paio di anni dopo assieme ai compagni Leone e Rufino si trovò a cantare il Cantico delle Creatore a Francesco sul letto di morte dopo averlo assistito durante la malattia e con gli stessi due compagni, inoltre, scrisse la "Leggenda dei tre compagni". Di Angelo Tancredi, che morì nel 1258, san Francesco lodò la bontà e la gentilezza. Avvenire, Matteo Liut



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits