NOTIZIE > attualita

Avere pace per dare pace di Giorgio Mulè

La nostra vocazione e dunque la vocazione dell’uomo, per dirla con Francesco, deve essere quella di richiamare gli smarriti

di Giorgio Mulè
Avere pace per dare pace di Giorgio Mulè
Credit Foto - ANSA - SHEHAB AMED/ARCHIVIO

Ritornare a Francesco, avere il coraggio di incamminarsi sulle strade impervie della nostra quotidianità e sfidare le convenzioni: avere pace per dare pace. La più grande sfida alla quale è chiamato l’uomo in terra è proprio questa: darsi pace con la coerenza dei comportamenti e con la rinuncia all’egoismo.

Troppe volte si invoca la pace, per ricucire uno strappo in famiglia o per ricomporre le grandi fratture del mondo, senza avere compreso che nulla può avvenire se non c’è pace dentro di noi. Francesco non saluta invocando il Signore, ma sollecita l’uomo a essere in grado di tendere a Lui nell’unica maniera possibile: avere una condizione dell’animo pacificato. E dunque: pace e bene! La pace diventa corazza, la misericordia che ne discende l’arma più efficace per fare breccia nei cuori induriti.

Questa è l’essenza della pace ed è nella visione di un apparente ossimoro che si traduce nella creazione e nell'esistenza di un guerriero di pace. Questa visione non è cristiana ma è autenticamente laica, perché prescinde dal credo e si fonda sul rispetto dell’io.

La nostra vocazione e dunque la vocazione dell’uomo, per dirla con Francesco, deve essere quella di “richiamare gli smarriti”. E gli “smarriti” sono gli uomini senza pace che non potranno mai essere portatori di bene. Sul cristiano grava dunque un compito gravoso: cercare la pace dentro se stesso per poter essere messaggero di pace. È un cammino non facile, anzi pieno di imprevisti. Ed è per questo, ancora una volta, che bisogna tornare a Francesco e ancorarsi al sogno in cui Dio gli consiglia il saluto da porgere a chiunque incontrasse: “Il Signore ti dia la pace”.


Giorgio Mulè

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits